Creare una landing page efficace tecnica SEO

Perché creare una landing page aiuta nella strategia SEO

In un’ottica di miglioramento della SEO creare una landing page può essere un buon sistema per aumentare la visibilità.

Si tratta infatti di realizzare delle particolari pagine
web ottimizzate che permettono di avere più visite al sito.

Il loro scopo principale è far compiere all’utente un’azione specifica (clic sulla loro Call to Action), a conclusione di un percorso di marketing.

Vediamo quindi come funzionano queste pagine, come crearle e perché.

Perché creare una landing page in un ottica di ottimizzazione SEO

Prima di vedere perché la creazione di una landing page può migliorare la SEO del nostro sito, dobbiamo comprendere cosa siano e perché vengono usate.

Lo scopo principale di una landing page infatti è soprattutto quello d’invogliare gli utenti ad effettuare un’azione ben specifica.

Questa può essere la vendita di un prodotto o un servizio, oppure la registrazione di nuovi utenti, ad esempio.

Nella maggior parte dei casi perciò si tratta di un risultato commerciale, in quanto vengono messi al centro dell’attenzione dei prodotti o servizi da promuovere.

Landing page richiamano una call to action
Le landing page richiamano ad una call to action.

Le landing page nascono come contenuti attrattivi per invogliare le persone ad eseguire una CALL TO ACTION predisposta.

Detto questo allora, perché dovrebbe interessarti creare una landing page se il tuo obiettivo principale è avere maggiore visibilità su Google?

Innanzitutto perché se hai realizzato un sito web lo hai fatto anche per un motivo commerciale: far conoscere i tuoi prodotti o attività e aumentare la loro vendita o quella dei tuoi servizi. Mi sbaglio?

Vediamo perciò quali sono i motivi che rendono interessante creare una landing page anche in ottica SEO.

Come possono essere utili alla tua attività le landing page

Le landing page funzionano molto bene soprattutto quando vuoi:

  1. Incentivare la vendita online.
  2. Aumentare il numero dei leads.
  3. Incrementare il traffico sul sito.

L’ordine non è casuale e va contestualizzato.

Infatti il pulsante sul quale desideriamo che l’utente clicchi eseguendo la call to action che abbiamo predisposto, nella maggioranza dei casi conduce ad un acquisto (è il primo caso) e una vendita è sempre il risultato di maggior valore.

Il secondo scopo per cui cerchiamo di far atterrare l’utente sulla nostra pagina è ottenere la sua registrazione, accettando in modo consapevole di ricevere informazioni commerciali sui nostri prodotti.
É un risultato che permette di pubblicizzarci a basso costo (quello della creazione della landing page ed eventualmente quello dell’annuncio a pagamento).

Per ottenere la registrazione spesso si offre in omaggio un prodotto ‘minore’ per dimostrare autorevolezza sul prodotto reale che vogliamo vendere, che chiaramente dev’essere di qualità superiore.

Infine si può decidere di creare una landing page esclusivamente per ottenere maggiori visite ad una specifica pagina web, cioè il motivo che interessa noi.

In quest’ottica un modo alternativo di usare la landing page è d’indurre l’utente a visitare una seconda pagina linkata nella landing page.
In realtà si tratta di un sistema che infastidisce gli utenti, perché sono costretti a visitare un’altra pagina per capire cosa gli stiamo offrendo. É quindi un approccio da evitare.

Quelli elencati sono tutti validi motivi per creare una landing page, perché a prescindere dall’obiettivo finale riusciamo ad aumentare le visite al nostro sito, cioè proprio quello che vogliamo nella nostra strategia SEO.

Ottimizzazione sito web WordPress

Vuoi un intervento di ottimizzazione per il tuo sito WordPress?
SitiWeb-WP può esserti d’aiuto.

Contattaci per un intervento.

Cosa possono fare le CALL TO ACTION delle landing page

E cosa non dovrebbero fare per non perdere credibilità

Per creare una landing page efficace questa dovrebbe contenere una call to action in grado di portare l’utente a compiere il percorso predisposto fino alla conclusione.

Come per altri contenuti anche per le landing page ci sono però dei modi corretti per realizzarle e altri da evitare. Nel nostro caso poi, commettere degli errori significherebbe trovarsi davanti a due grossi problemi:

  • il primo abbastanza scontato è quello di perdere tempo e denaro,
  • il secondo è la mancata credibilità nel sito e il conseguente abbandono.

Entrambi i risultati decretano un fallimento, per cui è fondamentale impegnarsi fin dall’inizio in un’attenta progettazione, sia della landing page che della call to action.

Cosa evitare per avere una landing page che funzioni sempre

Il tuo utente è il bene più prezioso che hai: grazie a lui puoi vendere un prodotto ma anche ottenere ulteriori clienti. Un cliente soddisfatto è infatti uno dei migliori veicoli pubblicitari per la tua attività, preoccupati perciò di metterlo a suo agio e non infastidirlo fin dal primo contatto.

Per questo nella landing page evita di:

  1. far perdere tempo al visitatore nella lettura di testi lunghi e tediosi: l’intento della landing page deve essere capito immediatamente senza girare intorno alla questione.
  2. Chiedere all’utente l’inserimento i dati della carta di credito o di debito: questa è una fase successiva e deve essere separata dalla landing page.
  3. Obbligare l’utente ad inserire il proprio numero di telefono: di call center che ci chiamano in continuazione ne abbiamo più che a sufficienza, e il dubbio di averne di nuovi a cui rispondere fa fuggire il visitatore.
  4. Anche costringerlo a compilare form con troppi campi, chiedendo dati personali non necessari in questa fase allontana il prospect.
  5. Infine, e questo è quanto di più deleterio si possa fare ma è una pratica che comunque alcuni àttuano, evita di far acquistare un prodotto che non c’entra nulla con il motivo per cui è entrato nella landing page.

Assistenza siti web WordPress

Se il tuo sito WordPress ha smesso di funzionare o ha problemi
SitiWeb-WP può esserti d’aiuto.

Contattaci per un intervento.

Altre attività dannose alla tua landing page

Dopo quanto appena detto è evidente che nel realizzare il progetto dovrai usare la massima coerenza e correttezza, evitando d’insinuare dubbi o confusione nell’utente che visita la pagina o fargli credere una cosa per poi propinargliene un’altra.

Non creare quindi ad esempio una call to action fasulla rispetto ai contenuti della pagina, perché se non mantieni ciò che prometti fai perdere tempo alle persone e tu perdi in credibilità e dei potenziali clienti.

Se nel titolo e nella descrizione della landing page prometti ai visitatori uno sconto (anche minimo), impegnati a mantenerlo.

Nel caso che invece imponi ulteriori vincoli (registrazione, richiesta di dati o altro), ottieni semplicemente un aumento del bounce rate e perdita di credibilità, e devi dire addio ai visitatori di ritorno o alle vendite.

Evitando questi comportamenti fastidiosi c’è invece la concreta possibilità che l’utente concluda la visita accettando la tua offerta.

Come vedi una landing page ben fatta ti da più vantaggi.

Oltre a un maggior numero di visite al sito (in ottica SEO) migliori la tua credibilità e riesci a vendere online il tuo prodotto (in ottica marketing).

Quest’ultimo è tra l’altro lo scopo principale per cui sono state inventate le landig page.

Creazione siti web professionali

Siamo un’agenzia web specializzata nella creazione di siti web WordPress,
se hai bisogno di realizzare un sito professionale per la tua attività
contattaci per un preventivo.

Come aumentare la permanenza sul sito con una landing page

Bene, dopo aver detto come non creare una landing page e quali sono gli errori da evitare vediamo come deve essere realizzata.

  • In primo luogo crea una pagina senza distrazioni per il visitatore, non inserire contenuti come le barre laterali e se puoi elimina il menù principale.
  • Concentrati sulla creazione della parte alta della pagina, la cosidetta headline. Inserisci qui un titolo in linea con la call to action e supportalo con una immagine cliccabile, coerente con il tema.
  • Usa dei testi (titoli, sottotitoli e paragrafi) che evidenzino l’obiettivo finale per cui hai creato la landing page e che spieghino il vantaggio per l’utente di sceglierti.
  • Rendi ben visibile il pulsante o il link della call to action: non far scrollare tutta la pagina per trovare come concludere il percorso.
  • Se inserisci un form di contatto rendilo il più semplice possibile: è sufficiente che chiedi il nome e un indirizzo email (più il consenso al trattamento dati).
  • Utilizza al meglio la formattazione dei testi ma senza esagerare: non forzare gli effetti tipografici con font strani e combinazioni di colori fuori moda, potrebbero non piacere e indurre all’abbandono.

Come creare una landing page utile ad un sito web in ottica SEO

Conclusioni

Con la lezione 8 si conclude la sezione del corso dedicata alla trattazione dell’ottimizzazione SEO per le SERP.

In questi articoli hai visto molti degli aspetti essenziali per rendere gradito il tuo sito agli utenti e ai motori di ricerca, la creazione delle landing page fa parte di questa strategia.

Pur trattandosi di un prodotto orientato soprattutto alla vendita possono infatti essere usate per aumentare le visite al sito.

Questo perché una landing page ben progettata oltre ad essere usata per le campagne pubblicitarie è visibile anche nei risultati delle ricerche e quindi può essere cliccata.

Le landing page sono quindi un arma in più per un sito che vuole ottenere in un colpo maggiori visite e vendite online.

Vuoi ricevere anche tu più visite sul tuo sito web?

SitiWeb-WP si occupa di ogni aspetto che riguarda WordPress: dalla realizzazione alla manutenzione, dall’assistenza alla sua gestione possiamo offrirti il servizio che ti serve.

Se devi creare un nuovo sito web oppure hai problemi di visibilità, possiamo  aiutarti. Chiedi un preventivo per l’ottimizzazione o per la realizzazione del tuo nuovo sito web.

Desideri maggiori informazioni? Contattaci.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accetto la Privacy Policy