Come trasferire un sito WordPress sul tuo hosting

Come trasferire un sito wordpress copertina

Come trasferire un sito WordPress da locale a remoto è l’argomento di questa lezione 7 del corso base WordPress.

Se ci hai seguiti fin qui e hai creato il tuo sito sul PC ora è il momento di metterlo online, per essere sicuro che tutto funzioni perfettamente segui le nostre indicazioni.

Corso base WordPress Lezione 7

Dopo aver creato il sito web sul pc è il momento di andare online

Oggi ti parlo di come trasferire un sito web WordPress da locale in remoto.

Perché se hai seguito fin qui il nostro corso e hai realizzato il tuo sito WordPress sul PC, ora vorrai finalmente vederlo online.

Mettiti comodo quindi e leggi questo articolo per imparare a spostare il tuo nuovo sito web nello spazio on line che hai acquistato.

Premessa:
A scanso di equivoci, per trasferire un sito web WordPress devi avere acquistato un dominio e uno spazio web (piano hosting) da un provider.

Quello che trovi scritto qui non si può infatti applicare ai siti realizzati in spazi gratuiti o su domini di terzo livello che non consentono collegamenti FTP.

Cosa serve per trasferire un sito web WordPress da locale a remoto

Trasferire un sito WordPress da locale in remoto non è un’operazione particolarmente complicata, tutt’altro come vedrai. Richiede però attenzione e che tutti i passaggi siano fatti nell’ordine indicato, diversamente potresti avere dei messaggi di errore.

Prima di iniziare devi avere sottomano tutti i dati utili a modificare sia il database che il file di configurazione (il config.php), trasferire un sito WordPress richiede infatti qualche piccolo intervento sul codice e all’interno del database.

Preparati a trasferire il sito dal tuo PC allo spazio web

Prima di trasferire il sito è necessario fare delle operazioni preliminari, utili sia per il trasferimento stesso che per evitare possibili errori. Inizia con questi passaggi.

  1. Copia tutti i file del sito in un’altra cartella sul tuo PC.
  2. Esporta nella stessa cartella il database tramite phpMyAdmin del server locale.
  3. Fai una copia del database.
    In questo modo hai sempre a disposizione tutte le copie originali e in caso di problemi puoi andare a recuperare quello che ti serve.
  4. Accedi al pannello di gestione del provider e crea un utente con relativa password.
  5. Crea (sempre sul server), un nuovo database vuoto dandogli il nome del db che hai sul PC.
  6. Assegna l’utente creato al nuovo database.
  7. Scrivi tutti questi dati  su un foglio e tienili da parte, ti serviranno più tardi.

SUGGERIMENTO DI LETTURA

Nella lezione 1 di questo corso base trovi informazioni sia su come utilizzare phpMyAdmin che su altre operazioni utili al trasferimento.

Trasferire una copia dei file nello spazio del server remoto

Sposta online il sito web con un collegamento FTP

Per trasferire i file del tuo sito in remoto ti consiglio di usare FileZilla, un’applicazione semplice, potente e completamente gratuita. É un programma FTP che puoi scaricare dal loro sito ufficiale per la versione del tuo sistema operativo.

Se è già sul tuo PC configura un nuovo account con i dati FTP forniti dal provider nella fase di acquisto del piano hosting (lo spazio web).

NOTA: per l’operazione di trasferimento del sito esistono dei plugin WordPress che possono aiutarti, fai una ricerca usando l’opzione plugin nella tua bacheca di WordPress.

Personalmente preferisco usare il collegamento FTP perché mi permette un maggior controllo, e se eseguito con attenzione è esente da errori.

Cosa serve per trasferire un sito WordPress correttamente

Per trasferire il sito in modo rapido e sicuro tieni a portata di mano questi dati:

  1. nome del database,
  2. nome dell’utente del database (nuovo),
  3. password dell’utente del database (nuovo),
  4. URL del sito (l’indirizzo del dominio del sito online).

Sono i dati che ti ho consigliato di annotare prima e che tra poco userai per fare le modifiche di cui parlavo.

Trasferire un sito WordPress in quattro passaggi

Per agevolarti e rendere il processo di trasferimento del sito il più rapido possibile ho suddiviso l’operazione in quattro fasi distinte, seguile in questo ordine e non commetterai errori.

Fase 1

Modifica del file di configurazione config.php

Prima di iniziare a spostare tutti i file modifica il file “config.php” presente nella cartella principale del sito WordPress.

Apri il file di configurazione e cerca le righe che contengono le seguenti definizioni:

  • DB_NAME
  • DB_USER
  • DB_PASSWORD

Riguardano rispettivamente:

  1. Il nome del database (quello che hai creato nel pannello del provider).
  2. Il nome dell’utente del database (anche questo è quello creato prima nel pannello del provider).
  3. La password che hai assegnato all’utente creato.

Verosimilmente il tuo DB_USER da sostituire è ‘root‘, mentre all’interno di DB_PASSWORD potresti avere una stringa vuota, delimitata da due virgolette semplici (”). A prescindere da quello che trovi, ora devi modificarli.

Modifica configurazione per trasferire un sito WordPress da locale a remoto
Modifica del file di configurazione

Prendi il foglio di prima, quello dove ti ho consigliato di annotarti i nuovi dati di utente e database, quindi nel config.php cerca le righe con i “define” che vedi nell’immagine e inserisci i nuovi dati al posto di quelli presenti, infine salva il file.

Fine delle modifiche. Semplice, no?

Attenzione! Non cancellare nessuna delle virgolette singole delimitatrici, altrimenti il tuo sito WordPress una volta trasferito, non funzionerà.

NOTA

Se in futuro dovessi dimenticare la password di login di WordPress, dai un’occhiata al nostro articolo come recuperare la password di WordPress.

Fase 2

Trasferimento del database nello spazio web del server

Ora occupiamoci del database.

Più che di un trasferimento si tratta di fare una importazione in quanto dovrai copiare nel database creato precedentemente quello che hai salvato nella cartella del tuo PC.

Per questa operazione devi usare il phpMyAdmin dal pannello del provider selezionando il database da importare.

Ecco come fare.

Importazione database da trasferire in remoto
Opzione importa database in phpMyAdmin

Una volta aperto phpMyAdmin, dopo aver selezionato dal lato sinistro della schermata il nuovo database, clicca “Importa” dal menù: visualizzerai il contenuto della foto sopra.

Tutte le opzioni che trovi già selezionate in questa pagina sono già ideali per un’esecuzione standard, non modificare nulla.

Clicca quindi sul pulsante “Scegli file” e procedi subito con il trasferimento del db.

Se il trasferimento del sito è andato a buon fine al termine del processo avrai un messaggio di conferma, in caso contrario ti saranno segnalati gli errori riscontrati.

Fase 3

Modifica del database importato nello spazio web

Non temere, sono sufficienti due piccole e semplici modifiche nel database che hai appena trasferito, poi avrai quasi finito.

Seleziona innanzitutto il database con un clic sul suo nome, quindi osserva le tabelle che ti vengono mostrate.

Cerca la tabella che contiene nel nome ‘_options‘ (il suo prefisso generalmente è wp, ma potrebbe essere un altro) e selezionala.

Tabelle database nuovo sito WordPress trasferite in remoto
Cerca la tabella OPTIONS nel database trasferito

Adesso cerca nella tabella due record specifici:

  1. Option_name = siteurl.
  2. Option_name = home.

Per ora contengono ancora l’indirizzo del sito sviluppato sul tuo PC, devi sostituire queste stringhe con l’indirizzo del dominio Internet che hai acquistato. Per modificarli basta cliccare nel campo e cancellando il vecchio indirizzo scrivere quello nuovo, in entrambi i record.

Non dimenticarti di inserire anche il protocollo in uso all’inizio della stringa (http:// o https://).

Modifica dati tabella options del database WordPress
Inserimento indirizzo del dominio remoto

Nell’immagine sopra vedi evidenziati a sinistra i nomi dei record da modificare, a destra i campi dove inserire l’indirizzo remoto del tuo sito WordPress (frecce di colore arancione).

Ultimi ritocchi al database del sito WordPress trasferito

Siamo quasi alla fine del trasferimento, hai trovato complicato queste operazioni? Non credo. Come hai visto bisogna fare attenzione ad alcune cose ma alla fine sono procedure piuttosto semplici.

Ora manca un’ultima operazione che riguarda il tuo database remoto. Serve ad eliminare gli eventuali link rotti causati dal trasferimento dei file del sito (che ancora non abbiamo fatto e di cui non abbiamo ancora parlato).

Può infatti succedere che immagini o altri file abbiano ancora memorizzato nel proprio record del db il vecchio indirizzo locale. Per ovviare all’inconveniente devi inserire una QUERY.

Guarda l’immagine che segue.

Istruzione sql per modifica database WordPress trasferito
Inserimento di una istruzione SQL nel database remoto.

Restando sempre in phpMyAdmin seleziona ancora il database dall’elenco di sinistra e scegli dal menù in alto l’opzione “SQL”.

Adesso copia e incolla il contenuto della riga 1 che vedi nell’immagine e quindi sostituisci:

  • ‘localhost/sitolocale’ con il tuo vecchio indirizzo,
  • ‘www.example.com/’ con il nuovo indirizzo.

Ora hai davvero quasi finito, rimane solo un’ultima operazione, il trasferimento dei file in remoto.

Fase 4

Trasferisci da locale a remoto tutti i file del sito WordPress

Siamo arrivati all’ultima fase, quella che riguarda il trasferimento del sito vero e proprio, o meglio quello dei suoi file.

Ne ho accennato all’inizio parlando di FileZilla e di collegamenti FTP, perciò ora non mi dilungo in quanto presumo tu sappia di cosa si tratta.

Adesso per trasferire tutti i file in remoto sul tuo server non devi far altro che un un ‘copia e incolla’ e caricare nell’hosting acquistato i file salvati all’inizio nella cartella del tuo PC.

Al termine il processo di trasferimento del tuo sito WordPress sarà completato e potrai lavorare online sul tuo progetto web.

Nella foto sotto vedi una fase del trasferimento di un sito web con FileZilla.

Trasferimento dei file in remoto con ftp
Trasferimento dei file del sito WordPress in remoto

SUGGERIMENTO

Se desideri un sito web professionale, ottimizzato e responsive ad un costo estremamente conveniente puoi approfittare dei nostri siti web standard.

Ti basta fare una richiesta per un sito web WordPress in offerta e senza chiedere preventivo avrai un sito web nuovo e personalizzato.

Dopo il trasferimento del sito fai un'ultima verifica

Concludi l'operazione con un controllo finale

Per assicurarti che il trasferimento del sito sia andato a buon fine fai una verifica, apri la bacheca del sito WordPress facendo login come amministratore.

Quindi vai all’opzione impostazioni ⇒ generali e verifica che siano stati memorizzati gli URL corretti nei campi “Indirizzo WordPress (URL)” e “Indirizzo sito (URL)“.

Entrambi devono contenere l’indirizzo completo del sito remoto, se è così vuol dire che sei riuscito a trasferire il tuo sito WordPress correttamente.

La settima lezione del nostro corso su WordPress termina qui.

Come hai visto trasferire un sito WordPress dal tuo pc a remoto non è un’operazione difficile, richiede solo un po’ di tempo e attenzione nei vari passaggi.

Con questa lezione si esaurisce anche il corso base per WordPress, ma non le nostre risorse gratuite.

Continua a leggere il nostro blog, trovi articoli tecnici dedicati alla SEO, all’ottimizzazione dei siti, allo sviluppo, l’assistenza e la gestione dei siti WordPress. In ognuno di loro hai a disposizione dei suggerimenti per migliorare il tuo sito WordPress.

Ci occupiamo di tutto quello che riguarda la presenza online di aziende, professionisti e attività commerciali.

Siamo specialisti nella realizzazione di siti web professionali con WordPress, servizi di assistenza, manutenzione e gestione siti. Se hai bisogno di un restyling possiamo intervenire, così come ottimizzarlo in chiave SEO per renderlo visibile nei motori di ricerca.

Per maggiori informazioni contattaci!

Condividi l'articolo se ti è piaciuto

Articoli simili